Cosa sappiamo del sottomarino Titan scomparso?



Cnn

Un sommergibile Trasporta cinque persone Guarda i resti Il Titanic è ancora disperso sul fondo dell’Oceano Atlantico settentrionale Massiccia operazione di ricerca – Ma secondo quanto riferito, nella zona si è sentito un tuono.

Un aereo canadese P-3 ha rilevato un rumore sottomarino martedì, ma la Guardia Costiera degli Stati Uniti non è stata in grado di identificare la fonte del suono, ha detto l’agenzia.

Nel frattempo, martedì un promemoria interno del governo affermava che le squadre di ricerca avevano sentito suoni tuonanti a circa 30 minuti di distanza, ed è stato successivamente aggiornato per dire che il “feedback uditivo” indicava “la continua speranza dei sopravvissuti”.

La CNN ha contattato OceanGate, la guardia costiera degli Stati Uniti a Boston e funzionari canadesi per un commento. Rolling Stone ha riportato la notizia per la prima volta martedì sera.

Il sottomarino Titan era in rotta verso il famoso relitto al largo della costa di St. John’s, Terranova, in Canada, quando perse il contatto. Insieme alla sua nave di supporto, ha lasciato l’equipaggio con ossigeno sufficiente solo per pochi giorni.

Ecco cosa sappiamo finora.

Il sottomarino fa parte di una crociera di otto giorni di OceanGate Expeditions che costa $ 250.000 a persona. La spedizione è partita da Terranova e i partecipanti hanno percorso per la prima volta 400 miglia nautiche fino al sito del relitto, a 900 miglia (1.450 chilometri) al largo della costa di Cape Cod, nel Massachusetts.

La mattina di domenica 18 giugno, il sottomarino ha iniziato il suo viaggio di due ore. Ha perso il contatto con la nave di supporto Polar Prince, che stava traghettando la nave alla base, ed è affondata dopo 1 ora e 45 minuti, hanno detto i funzionari.

Quel giorno è stata avviata un’operazione di ricerca.

Non è ancora chiaro cosa sia successo al sottomarino, perché abbia perso il contatto e quanto fosse vicino al Titanic quando è scomparso.

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

I funzionari non hanno rilasciato nomi Mancano cinque personeL’uomo d’affari britannico Hamish Harding, il subacqueo francese Paul-Henri Narjolet, il miliardario pakistano Shahjata Dawood e suo figlio Sulaiman Dawood sono stati confermati a bordo.

La quinta persona è il CEO e fondatore di OceanGate Stockton Rush, secondo una fonte a conoscenza del piano di lavoro. OceanGate non ha risposto alla richiesta di commento della CNN.

Harding ha sede negli Emirati Arabi Uniti ed è a capo dell’intermediazione aerea Action Aviation. L’agenzia ha detto sui social media che Harding era a bordo del sottomarino; Sabato Harding ha pubblicato online di essere “orgoglioso di annunciare” la sua partecipazione all’immersione nel Titanic.

READ  NFL 2024 free agency: Kirk Cousins ​​​​ai Falcons, Christian Wilkins ai Raiders e altre notizie, rapporti, voci

Harding è un appassionato avventuriero, avendo viaggiato nello spazio l’anno scorso su un volo Blue Origin, e si ritiene che sia il punto più profondo del mondo, il Challenger Deep nell’Oceano Pacifico.

Sabato aveva scritto che Narjolet avrebbe dovuto essere sul sottomarino con lui. La famiglia di Narjolet ha confermato all’affiliata della CNN BFMTV che era a bordo.

Ha decenni di esperienza nell’esplorazione del Titanic. Lavora come direttore della ricerca subacquea per RMS Titanic Inc., che ha i diritti esclusivi per recuperare i manufatti dalla nave. Secondo la sua biografia sul sito web della compagnia, Norjolet ha completato 35 immersioni al relitto del Titanic e ha supervisionato il recupero di 5.000 manufatti.

Una dichiarazione delle loro famiglie ha confermato che il padre e il figlio pakistani erano a bordo. I Dawood sono un’importante famiglia d’affari pakistana che gestisce alcune delle più grandi aziende del paese, con un portafoglio che comprende energia, prodotti petrolchimici, fertilizzanti, tecnologia dell’informazione e cibo e agricoltura.

Da Hamish Harding/Facebook

Hamish Harding ha pubblicato una foto del sommergibile sui suoi account sui social media il 17 giugno.

Il sottomarino è progettato per trasportare ossigeno per 96 ore.

Entro le 13:00 di martedì, la Guardia Costiera degli Stati Uniti ha dichiarato che potrebbero mancare 40 ore. Ciò dà alle autorità fino a giovedì mattina per localizzare e recuperare la nave.

Ma ci sono molte sfide, tra cui la posizione remota, il clima locale, la sommergibilità e la straordinaria profondità dell’oceano nell’area in cui sono scomparse.

IL Il salvataggio subacqueo più profondo di sempre Roger Chapman e Roger Mallinson si sono ripresi dal sottomarino Pisces III nel 1973 a una profondità di 1.575 piedi. Sono rimasti intrappolati per 76 ore.

Il relitto del Titanic è molto profondo, a quasi 13.000 piedi sotto il livello del mare.

Non è chiaro quanto sia profondo il sommergibile. Alcuni esperti hanno sottolineato che potrebbe essere più vicino alla superficie, poiché i sottomarini di solito possono perdere peso per una maggiore galleggiabilità. Ma anche se raggiungono la superficie, la porta è chiusa dall’esterno, il che significa che continueranno a rimanere senza ossigeno a meno che non vengano trovati e liberati dai soccorritori.

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

READ  Il lander lunare giapponese si schianta, afferma ISSPACE

Un sottomarino differisce da un sottomarino in alcuni modi chiave. Ha riserve di potenza limitate, quindi ha bisogno di una nave di supporto in superficie per il lancio e il recupero. Non può rimanere sott’acqua a lungo; Rispetto ai sottomarini, il Titan in genere trascorre dalle 10 alle 11 ore per ogni immersione al relitto del Titanic.

Il Titan è realizzato in fibra di carbonio e titanio, pesa 23.000 libbre, con caratteristiche di sicurezza che monitorano l’integrità strutturale della nave, ha riferito OceanGate.

È compatto e scarno all’interno, con molto spazio come un minivan Il corrispondente della CBS David Bock, che ha viaggiato sul Titan poco prima del disastro del Titanic l’anno scorso. Solo un bagno, niente posti a sedere; I passeggeri si siedono sul pavimento. Non c’erano finestre tranne l’oblò dove i passeggeri potevano vedere il Titanic.

Da OceanGate Expeditions/twitter/file

Una foto d’archivio mostra il relitto del Titanic attraverso l’oblò di un sottomarino Oceangate.

Senza GPS subacqueo, il sottomarino è guidato solo da messaggi di testo dalla nave di superficie. Durante il viaggio di Bogue, ha detto che il sottomarino è rimasto perso per più di due ore dopo che la comunicazione si è interrotta durante un’immersione.

Il pilota utilizza un controller per videogiochi per guidare il sottomarino, ma se fallisce, un sistema cablato controlla le eliche, secondo Aaron Newman, che si è tuffato su Titano nel 2021 ed è ora un investitore di Oceangate. I propulsori sono alimentati da un sistema elettrico esterno, mentre un sistema interno alimenta le comunicazioni e il riscaldatore, ha affermato.

Diverse agenzie sia degli Stati Uniti che del Canada sono coinvolte nella ricerca di superficie e subacquea. Martedì sono state perquisite più di 10.000 miglia quadrate.

Barche, aerei e apparecchiature radar stanno scansionando la superficie alla ricerca di un sottomarino emerso. Sonar Le apparecchiature sonar su galleggianti e navi vengono utilizzate anche per rilevare i suoni subacquei.

La Guardia Costiera degli Stati Uniti, la Marina degli Stati Uniti, l’Aeronautica degli Stati Uniti, la Guardia Costiera canadese e l’Esercito canadese stanno coordinando la ricerca e le possibili operazioni di salvataggio. La Francia ha anche inviato una nave da ricerca dotata di un robot sottomarino per unirsi alla ricerca.

Magellan, una società di mappatura di acque profonde, è meglio conosciuta per le sue immagini uniche di acque profonde del Titanic.

Ma trovare un sommergibile è solo il primo passo; Recuperarlo può essere una sfida diversa.

A seconda di dove ea quale profondità si trova il sottomarino, le navi di soccorso possono avere opzioni limitate.

Ad esempio, i sottomarini a propulsione nucleare della Marina degli Stati Uniti in genere operano ad altitudini di 800 piedi o meno, il che significa che non possono scendere sotto il fondo del mare, dove la pressione dell’acqua sopra il sottomarino potrebbe farlo esplodere.

Durante il salvataggio del 1973, i funzionari hanno utilizzato altri sottomarini e una nave di salvataggio costruita dalla Marina gestita a distanza per collegare le cime al Pisces III, che è stato poi utilizzato per rimorchiarlo in superficie.

Non è chiaro se questi metodi funzioneranno per Titan, data l’incertezza che circonda la sua posizione.

01:55 – Fonte: CNN

Ammira l’interno del sottomarino normalmente utilizzato per il viaggio sul Titanic

L’incidente ha acceso il dibattito sulla sicurezza del turismo d’altura, con alcuni sottolineando che OceanGate è stato preso di mira in passato.

Due ex dipendenti di OceanGate hanno sollevato separatamente problemi di sicurezza simili sullo spessore dello scafo di Titano quando sono stati assunti dalla società diversi anni fa.

Un rapporto di un laboratorio di ricerca sembra mostrare informazioni contrastanti sull’ingegneria e sui test che sono stati utilizzati per lo sviluppo della nave.

Il rappresentante legale di OceanGate ha vantato le caratteristiche di sicurezza “impareggiabili” del Titan in un deposito giudiziario del 2021, affermando che è stato costruito con il laboratorio di fisica applicata dell’Università di Washington, ma l’università ha affermato che il laboratorio non ha mai gestito la progettazione, l’ingegneria o i test di Titan. .

I leader del settore hanno sollevato preoccupazioni cinque anni fa sull ‘”approccio sperimentale” della compagnia al sottomarino Titan e al suo viaggio verso il Titanic, secondo quanto riportato martedì dal New York Times.

L’Unmanned Underwater Vehicles Group della Marine Technology Society ha scritto una lettera nel 2018 al CEO Rush, scomparso. Il gruppo ha avvertito di “conseguenze negative (che vanno da minori a catastrofiche) che potrebbero avere gravi conseguenze per tutti nel settore”, afferma la lettera, ottenuta dal Times.

OceanGate non ha risposto a una richiesta di commento sulla lettera o sulle affermazioni dei due ex dipendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *